Liberty a Trieste

Messaggioda babatriestina » lunedì 10 dicembre 2007, 21:11

Me sposto un poco, a una casa che de solito pochi nota, e anche mi la vardavo con curiosità, po go trovado un poco dela sua storia sul solito libro e me ga parso che val al pena de fotografarla, perchè la xe diferente dele altre:
Casa Fonda, architetto U Fonda, 1911 1914
Via san Francesco angolo via Carpison

Immagine
La ga una sofferta storia per la costruzion, perchè el architetto volev farla coi suoi materiai, fati de lu, matoni fatti de lu, e el Comun ghe le respingeva disendo che no xe roba de bona qualità. Fin che el ga fatto appello ala commission per i materiai a Vienna e i ghe ga dado el permesso. per questo, la xe cussì diferente dele altre
un dettaglio dela decorazion a mattonelle colorate
Immagine
idem sul lato de via Carpison, anche le gorne ga la loro decorazion
Immagine
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
 
Messaggi: 26408
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 20:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggioda babatriestina » lunedì 10 dicembre 2007, 21:15

El porton su via Carpison, a griglia de legno, con tre cornisi rientranti, un poco come le cese romaniche, ma quele griglie quadrate cussì le doprava molto i Wiener Werkstatt a Vienna. e i ciodi tipo borchie i xe classici dela cassa de Risparmio de Vienna de Otto Wagner, el più famoso architetto Secession
Immagine
un particolar dele piastrelle
Immagine
un pergolo de angolo:
Immagine
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
 
Messaggi: 26408
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 20:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggioda babatriestina » lunedì 10 dicembre 2007, 21:20

El porton su via san Francesco, dove no solo in mezzo i ghe ga messo la placca de otton dele campanelle, ma diversi quadratini de ceramica xe propio spacai in mezzo
Immagine
Sta casa gavessi propio bisogno de un vero restauro!!

In fondo de via Carpison, verso via Fabio Severo, se vedi una casa che no xe liberty, ma me go sempre domandado che stile sia e de quando la sia, qualchedun ghe ne sa de più?
Immagine
la ga quei corni del abondanza in alto, fronton come le case nordiche, pergoletto legero de ferro battudo, finestre classiche a timpano spezzado..
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
 
Messaggi: 26408
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 20:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggioda AdlerTS » martedì 11 dicembre 2007, 14:01

AdlerTS ha scritto:Me pareva de aver messo un bel disegno de sta casa sul forum ... forse me confondo col vecio :roll:


Immagine
Mal no far, paura no gaver.
Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
 
Messaggi: 9549
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 22:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggioda babatriestina » lunedì 17 dicembre 2007, 19:09

Semo sempre nel Liberty,e volessi zontar qualche informazion sul palazzo liberty che xe in Viale, quel del cinema adesso Ambasciatori, prima Supercinema, Principe, Eden... che no ve metto foto perchè lo ga ben illustrado el nostro Zoomy qua e anche più sora, se ghe ne parlava, anche a proposito delle statue de Rathmann.
Ben, oltre che el libro sul architettura, anche el novo numero del Archeografo triestino ghe dedica un articolo :-D

Alora, el palazzo i ghe dà el nome dei committenti , Viviani - Giberti el xe del 1906 1907 e el xe famoso per esser l'unico palazzo dei grandi palazzi triestini a esser firmado de un architetto italian, Giuseppe Sommaruga, che xe considerado el pare del liberty italian. El ga fatto un palazzo molto simile a Milan.
Xe proprio de osservar che sto palazzo xe de un per de anni posterior del Narodni Dom de Fabiani, che xe inveze più stile Secession viennese, ispirado dela scola de Otto Wagner, che preferiva un stile più sobrio: in effetti, el par più moderno! a quell'epoca, come al solito , e come che magari sotto sotto farà qualche forumista ancora adesso, iera un confronto fra el bel/brutto stile italian e el bel/brutto stile austriaco, a seconda dele preferenze politico-cultural dele persone :-D
Al de là dele considerazioni de gusti personali, xe de notar alcune informazioni: le statue, i fregi, no xe scolpidi nela piera, come che xe in altri palazzi, ma xe fatti in modo quasi industrial, in "piera ricostituida" de un atelier Ambrogio Pirovano. quindi el Rathmann dovessi aver dado el modello dele do babe, come pur dele altre statue del genere sparse per altri palazzi Liberty.
La facciate laterali no xe del Sommaruga, che ga curado el lato central, ma de un Arnaldo Barison, el fio del pittor Barison.

El palazzo nassi subito col intenzion, come el Narodni Dom, de aver dentro un teatrin, che qua se ciamava Filodrammatico ( come el altro) e iera previsto per spettacoli polivalenti, el iera anche quel decorado in stile liberty, con un foyer, un bar.. dal 1914 i lo ga cominciado a doprar come cinema.
Nel 1947 la sala vien requisida dei Alleati e restituida nel novembre 1954 in condizioni che i definissi deplorevoli... però el colpo de grazia alla sala Liberty ghe lo ga dado el adeguamento ale norme antincendio za del 1951, per cui la sala e tutta la decorazion xe andade perse e xe stado rifatto più volte come cinema.

E .. i committenti Viviani e Giberti? qua i libri no disi gnente, se no che poco dopo la costruzion , intorno al 1910, el iera passado a altri proprietari, ma mi posso zontar qualcossa de inedito, visto che el ing Viviani.. iera mio zio Cesare!!! :-D
e xe stado anche per mi una sorpresa, perchè nonna. la cui sorella gaveva appunto sposado sto zio Cesare che mi go arivado a conosser, no me gaveva ditto gnente: savevo che el iera ingegner, che el gaveva un socio e che la vedova de Giberti vegniva spesso a trovar nona: per cui posso zontarve un'imagine del primo proprietario-committente e credo anche costruttor del palazzo: ecove zia Alice e zio Cesare più o meno a quell'epoca, del mio solito archivio familiar :-D
Immagine
(una coppia assai affiatada, i xe morti piuttosto veci nei primi anni 60, co ela se ga malado, lu ghe ga ciapado anche mal e el la ga seguida nela tomba entro un mese: tomba che xe tuttora qua a s Anna)
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
 
Messaggi: 26408
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 20:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggioda macondo » lunedì 17 dicembre 2007, 21:59

Che bella dona la zia Alice e anca ela, come i ga dito in un altra parte, no la portava el capelin :wink:
Avatar utente
macondo
notabile
notabile
 
Messaggi: 2600
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:54
Località: London, UK

Messaggioda macondo » mercoledì 19 dicembre 2007, 15:23

E za che semo un poco OT, una picia testimonianza de dove xe nato el nome Liberty. El negozio Liberty iera stado verto nel 1875, ma quando iera nato el movimento Art Nouveau intorno al 1890, sto negozio gaveva adotado el novo stile completamente. Per questa ragion, in Italia (e penso solamente in Italia) sto stile xe conosudo come stile Liberty.


Immagine

Immagine
Avatar utente
macondo
notabile
notabile
 
Messaggi: 2600
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:54
Località: London, UK

Messaggioda AdlerTS » giovedì 20 dicembre 2007, 9:10

questa non la savevo :-D
Mal no far, paura no gaver.
Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
 
Messaggi: 9549
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 22:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggioda babatriestina » giovedì 20 dicembre 2007, 10:31

Alora, per aprofondir, ve riporto la nota del articolo de M Loser nel libro su architettura , p75:
Come ben noto questo periodo, storicizzato come Art Nouveau, assunse diverse denominazioni che variano da paese a paese. La definizione di Art Nouveau, che prende il nome dal negozio-galleria di oggetti artistici di Samuel Bing inaugurato a Parigi nel 1895, indica la produzione francese, mentre per quella inglese e statunitense si usa anche l'appellativo di Modern Style, In Germania il movimento è noto come Jugendstil così come in Austria la rivista Ver Sacrum contribuì a diffondere il movimento della Wiener Secession con attività di mostre dal 1897. In Italia si parla invece di floreale o liberty facendo derivare il termine dalla ditta fondata a Londra da Arthur Lasenby Liberty. Si trattò pertanto di un fenomeno internazionale, sebbene vadano evidenziate delle diversità sostanziali- basti pensare alle differenze fra il Wiener Secession e l'Art Nouveau francese- che si estese in tutta Europa con notevole rapidità ed altrettanta caducità.

Mi go doprado el termine che iera più usado relativamente a Trieste, visto che i libri più diffusi usa el termine liberty:

1961 Meeks The Real Liberty of Italy- The Stile Floreale Art Bullettin, n2
1964 Cremona Il tempo dell'Art Nouveau Vallecchi
1964 Levi Rigoni Giuseppe Sommaruga e il floreale a Trieste - tesi di laurea
1966 Barilli Il liberty Fabbri
1967 Brosio Lo stile Liberty in Italia Vallardi
1968 Walcher Architettura d'europa: il Liberty in Mazzi quassù Trieste Cappelli
1968 Bossaglia Il liberty in Italia Saggiatore
1970 Centro studi Einaudi Trieste liberty Hammerle
1975: Carboni Un maestro del liberty a Trieste Romeo Depaoli ( Arte in Friuli arte a Trieste)
1978 Damiani Arte del Novecento in Friuli vo I Il liberty e gli anni Venti Del Bianco
1978 Nicoletti L'architettura liberty in Italia Laterza
1979 Fabiani: A passeggio col naso all'aria , per scoprire il liberty a Trieste Piccolo illustrato
1980 Campailla Trieste liberty ed Svevo
1980 Tamburini Il Liberty a Trieste, dattiloscritto
1982 Biamonti G M Mosco architetto ed il ruolo del Liberty sillo sviluppo edilizio di Trieste tesi
1983 Russel Art Nouveau architecture Academy ed
1985 Bairati Riva Il Liberty in Italia laterza
1990 quattrocchi I luoghi del Liberty L'Editore
1999 Ruaro Trieste Liberty
2003 Presenze Liberty nello sviluppo urbanistico a Trieste Quaderni giuliani di storia

( come vedè, de questa bibliografia- sempre ciolta del libro, per Trieste xe usado prevalentemente el termine Liberty e a tal uso me go adeguado)
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
 
Messaggi: 26408
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 20:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggioda babatriestina » giovedì 20 dicembre 2007, 23:52

Ve piasi el architetto Mosco?
Giovanni Maria Mosco 1861-1924 , triestin. El ga fatto molti edifici a Trieste, molti dei quali stile Liberty: Casa Junz Calabrese ( ex Mordo) de via Carducci 1902-4:
Immagine
le condizioni delle decorazioni lassa un poco desiderar, le testine xe tipiche del liberty e anche dele sue costruzioni:
Immagine
i angoli acuti xe dovui al collegamento fra el reticolato rettilineo ortogonal dele saline del Borgo teresian cola via del Torrente ( poi Carducci) che vien coverto ala fin del Ottocento e lo incontra de sbiego.
Immagine
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
 
Messaggi: 26408
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 20:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggioda babatriestina » venerdì 21 dicembre 2007, 0:00

un particolar dei loggiati de canton
Immagine
e dela decorazion in alto: i ovuli de sora xe classici, ma le testine xe del novo stile

Immagine
Mosco comunque ga fato parecchi edifici degni de nota:
el famoso complesso de via Tigor , qua e anche in sto topic nela pag 1. Po xe curiose le case de via Foscolo, che ve ricopio de più sora:
Immagine
anche perchè la curiosità xe che le do case vizine, de stile finto toscan, le ga fate el stesso Mosco! che quindi cambiava stile come che ghe pareva a lu o ai committenti
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
 
Messaggi: 26408
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 20:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggioda sono piccolo ma crescero » venerdì 25 gennaio 2008, 8:02

In via Rossetti, tra el Sanatorio Triestino e el liceo Petrarca, ma sul marciapiede opposto, ghe xe almeno due edifici in stile liberty. Quasi di fronte al Petrarca xe questa palazzina, un poco sofigata dalle altre case

Immagine

Immagine

e attribuida da una targa a Ruggero Berlam

Immagine
Avatar utente
sono piccolo ma crescero
no montar in scagno
no montar in scagno
 
Messaggi: 5111
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Messaggioda sono piccolo ma crescero » venerdì 25 gennaio 2008, 8:07

Un poco più verso el centro che xe, invece, questa che me par una villetta bifamiliare (e se posso dir, ma come i ga podù farla mezza de un color e mezza de un altro) con decorazioni forsi più belle.

Questa xe la metà rossa

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine
Avatar utente
sono piccolo ma crescero
no montar in scagno
no montar in scagno
 
Messaggi: 5111
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Messaggioda sono piccolo ma crescero » venerdì 25 gennaio 2008, 8:10

E questa la metà gialla

Immagine

Immagine

I scovazzoni che vedè, invece, no xe liberty anche se i scarabocci che ghe xe sora xe segno de una libertà mal doprada ! :-D :wink:
Avatar utente
sono piccolo ma crescero
no montar in scagno
no montar in scagno
 
Messaggi: 5111
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Messaggioda Nona Picia » venerdì 25 gennaio 2008, 9:11

Se ben me ricordo e spero de no sbagliar casa,una volta tuta de un color, ma i ghe ga cambià color a una co i la ga restaurada.
Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....
Avatar utente
Nona Picia
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
 
Messaggi: 8703
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 16:08
Località: Trieste - Rozzol

Messaggioda AdlerTS » domenica 24 febbraio 2008, 23:38

babatriestina ha scritto:Semo sempre nel Liberty,e volessi zontar qualche informazion sul palazzo liberty che xe in Viale, quel del cinema adesso Ambasciatori, prima Supercinema, Principe, Eden... che no ve metto foto perchè lo ga ben illustrado el nostro Zoomy

El palazzo nassi subito col intenzion, come el Narodni Dom, de aver dentro un teatrin, che qua se ciamava Filodrammatico ( come el altro) e iera previsto per spettacoli polivalenti, el iera anche quel decorado in stile liberty, con un foyer, un bar.. dal 1914 i lo ga cominciado a doprar come cinema.
Nel 1947 la sala vien requisida dei Alleati e restituida nel novembre 1954 in condizioni che i definissi deplorevoli... però el colpo de grazia alla sala Liberty ghe lo ga dado el adeguamento ale norme antincendio za del 1951, per cui la sala e tutta la decorazion xe andade perse e xe stado rifatto più volte come cinema.


Dal libro “Trieste 1872-1917, guida all’architettura”, due righe de descrizion del Filodrammatico presso palazzo Viviani-Giberti: con un abile gioco di volumi, dall’atrio si accede alla grande sala teatrale, articolata su due piani, fino al palcoscenico: alla galleria libera ed inedita, aggettante con curva e controcurva sulla platea e suddivisa ai lati da basse tramezze formanti due serie di scomparti, si accedeva attraverso un’agile scala a tenaglia. […] la ricca decorazione interna, realizzata da Ambrogio Pirovano, dava risalto alla balaustra della platea con putti in cemento e motivi floreali in ferro battuto.
Mal no far, paura no gaver.
Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
 
Messaggi: 9549
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 22:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggioda babatriestina » lunedì 10 agosto 2009, 7:35

In via Diaz xe casa Pincherle, adesso Residence Liberty: tuto un programma: restaurada, quanto che sia tutto original no so o se i ga rifatto un poco in stil . comunque eccola: un dettaglio dela facciata cole solite teste de donne in stucco bianco

Immagine
iera averto el porton, e go aprofittado:
Immagine
un pannello decorativo del porton
Immagine
"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
 
Messaggi: 26408
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 20:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggioda babatriestina » lunedì 10 agosto 2009, 7:43

Quando vedo tutte queste immagini femminili ( perchè di maschili non ce ne sono, o quasi) che ti guardano dalle facciate delle case, il mio pensiero va a un tempio cambogiano, il Bayon, che guarda caso forse all'epoca veniva riscoperto, dove i re Khmer avevano inserito la propria immagine nelle torri

Non escluderei un influsso, magari indiretto: l'esotismo discendente dalle esplorazioni e poi dal colonialismo di fine secolo non era solo letterario
Immagine
"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
 
Messaggi: 26408
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 20:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggioda babatriestina » martedì 11 agosto 2009, 16:15

babatriestina ha scritto:e anche drio de via s Michele, via tor S Lorenzo e vicinato, ghe xe robe interessanti, anche se lassade andar, come questa, meno floreale ma con una sua linea bella, pecà che la sia trascurada
Immagine
questa casa la go vista oggi riportada su un novo libro sul Liberty, e attribuida all'architetto Fonda. Xe un liberty più vizin al Secession, perchè con meno ghirigori e più geometrizzante. Me piaseria saver el anno de costruzion..
"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
 
Messaggi: 26408
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 20:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

casa smolars restauro

Messaggioda DJANGO » sabato 17 ottobre 2009, 15:29

prima del restauro:
Allegati
DSC00608.JPG.jpeg
Avatar utente
DJANGO
vilegiante
vilegiante
 
Messaggi: 79
Iscritto il: domenica 13 maggio 2007, 9:59

PrecedenteProssimo

Condividi

Torna a Architetura triestina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite